Categoria: Incontro informativo

“IL RAPPORTO TRA SOCIETA’ E FAMIGLIA NEL PERCORSO DEL SETTORE GIOVANILE”

Il ragazzo si farà

Civitanova Marche (MC) – Serata ricca di spunti di riflessione quella andata in scena giovedì sera presso la parrocchia di San Gabriele a Civitanova Marche.
L’incontro sul tema “Il ragazzo si farà”, ovvero sull’approccio più corretto da parte di famiglia e Società verso i ragazzi che intraprendono il percorso del Settore Giovanile, organizzato dall’Academy Civitanovese, è stato un successo di pubblico e interesse.
A trattare in maniera appassionata ed esaustiva il tema, è stato Massimiliano Zazzetta, ex calciatore professionista e già istruttore nello scorso Camp Estivo della Società rossoblù, che ha risposto volentieri ad alcune domande utili ad illustrare le dinamiche e le difficoltà più comuni nel difficile percorso di crescita dei ragazzi.
Le parole della canzone “La leva calcistica della classe ‘68” sono state lo spunto per un proficuo dibattito tra Leandro Vessella, Responsabile Tecnico dell’Academy, ed il difensore ex Pisa, Como, Fano, Teramo, Samb e Viterbese, ora stimato tecnico e dirigente di settori giovanili, esempio di professionalità per tutto il territorio marchigiano.
“Il Settore Giovanile – ha esordito Zazzetta – è spesso un luogo d’attesa, dove tutti, specie i genitori con le loro alte aspettative, attendono la maturazione di un futuro campioncino. Il ragazzo però deve prima diventare un futuro grande uomo. Per questo il Settore Giovanile ideale è quello in cui i ragazzi arrivano con il sorriso ed escono con il sorriso, quello che non ci si deve mai scordare di divertirsi e di giocare, oltre a ricevere le nozioni tecniche e comportamentali. Il Settore Giovanile ideale non imbriglia il ragazzo in un eccesso di tattica, tecnica e ossessività di schemi, ma lo lascia anche libero di esprimersi, muoversi e sperimentare, sviluppandone personalità, intelligenza e velocità di pensiero”.
“Per arrivare ad un positivo percorso condiviso tra famiglie e Società – ha proseguito Zazzetta – bisognerebbe che entrambi stabilissero e condividessero sin dal principio gli stessi valori, con il supporto anche della scuola. La cultura dell’attesa e non della soddisfazione istantanea, il rispetto di ambienti, società ed avversari, una certa cura nello stile di vita personale e familiare ed il concetto della responsabilità ne sono un esempio”.
“Il panorama dei Settori Giovanili in Italia – si è detto in chiusura – non vive un momento particolarmente felice, offre spesso purtroppo tanta improvvisazione ed incompetenza, non solo tecnica, ma anche organizzativa e strutturale in chi li gestisce. Questo vale anche nel mondo professionistico. Bisognerebbe invece cercare sempre di dare il meglio ai ragazzi, ed ecco perché mosche bianche come l’Academy e tutte quelle realtà che, anche nei dilettanti, offrono invece organizzazione e competenza, dovrebbero essere lodate. Il fulcro deve essere l’unicità del ragazzo: una individualità da sviluppare e da mettere poi in relazione con il gruppo attraverso il gioco di squadra”.

P1000490 (2)P1000483 (2)P1000487 (2)

“IL RAGAZZO SI FARÀ”: MISTER ZAZZETTA E L’ACADEMY RIFLETTONO SUL PERCORSO NEI SETTORI GIOVANILI

Il ragazzo si farà

Civitanova Marche (MC) – “Il ragazzo si farà, anche se ha le spalle strette, questo altro anno giocherà con la maglia numero sette..”
Prendendo spunto dalle parole della celebre canzone “La leva calcistica della classe ‘68” di Francesco De Gregori, l’Academy Civitanovese organizza per giovedì 06 Giugno alle ore 21:15, presso la parrocchia di San Gabriele, un nuovo incontro informativo aperto a tutti ed in particolar modo ai giovani calciatori e ai loro genitori.
Sarà mister Massimiliano Zazzetta, difensore classe 1979, ex calciatore professionista ed allenatore di settori giovanili professionistici tra cui Sambenedettese e Fermana, ad illustrare come società e famiglia possono accompagnare oggi nella maniera più opportuna e formativa i ragazzi nel loro percorso all’interno di un settore giovanile.
“E allora mise il cuore dentro le scarpe e corse più veloce del vento..” continua De Gregori.
Perché solo quando talento, educazione e carattere si fondono con “il coraggio, l’altruismo e la fantasia” si ha di fronte un giocatore vero.
Un campione, nella vita prima che nel calcio.

INTEGRARE NON SERVE SE SI MANGIA BENE: UN SUCCESSO L’INCONTRO ACADEMY CIVITANOVESE A VILLA CONTI

P1000473

Civitanova Marche (MC) – Molto positivo l’incontro organizzato questo pomeriggio dall’Academy Civitanovese sul tema dell’integrazione.
A spiegare ai ragazzi ed alle loro famiglie come mangiare bene sia già la migliore delle integrazioni possibili è stata la biologa-nutrizionista Dott.ssa Flavia Conocchioli, professionista da diversi anni al fianco della Società rossoblù, sempre in prima linea nel cercare di favorire la sana crescita dei propri tesserati.
Un argomento quanto mai attuale quello dell’integrazione, specie quando si avvicinano i mesi più caldi dell’anno e la pubblicità bombarda grandi e piccini suggerendone l’uso.
Ma il bisogno di integrare ciò che si mette nel piatto spesso non è reale. Anzi, mangiando bene, con i giusti abbinamenti o delle piccole strategie a tavola, si riesce già in questa maniera a potenziare l’assorbimento dei nutrienti principali senza far ricorso a nessun, spesso costoso, extra.
Una molecola assunta da un alimento ed una ricreata chimicamente non avranno mai lo stesso effetto.
Meglio una banana che un energy drink!
Assolutamente da evitare, infine, il fai da te: sono recenti i casi di integratori che, seppur naturali, anziché fare bene, hanno causato pericolose controindicazioni in chi ne ha fatto uso con troppa leggerezza.
Spunti sempre utili ed interessanti quelli forniti con semplicità e competenza dalla Dottoressa Conocchioli.
Le combinazioni vincenti hanno riscosso grande attenzione da parte di tutti i ragazzi ed anche dalle mamme presenti: sicuramente da stasera proveranno a fare più attenzione a ciò che metteranno nel piatto dei loro ragazzi.

abbinamenti
P1000469P1000475

Academy Civitanovese: MANGIARE BENE E’ LA GIUSTA INTEGRAZIONE

incontro inform scuola calcio Nutrizionista 31-05-2019

Civitanova Marche – L’ Academy Civitanovese organizza un incontro informativo aperto a tutti, ed in particolar modo consigliato ai giovani calciatori e alle loro famiglie, sul tema “L’integrazione migliore per il giovane sportivo? Mangiare bene”. Ad intervenire sarà la Dott.ssa Flavia Conocchioli, biologa-nutrizionista da alcuni anni vicina ai colori rossoblù, che illustrerà l’argomento, quanto mai attuale quando si avvicinano i mesi più caldi dell’anno.
C’è un reale bisogno di integrare ciò che si porta a tavola? Oppure mangiando bene, con i giusti abbinamenti o delle piccole strategie, si può potenziare l’assorbimento dei nutrienti principali senza far ricorso a questi extra quanto mai di moda?
Su questo argomento ed anche sui potenziali rischi del fai da te farà chiarezza con la solita semplicità e competenza la Dottoressa Flavia Conocchioli.
L’incontro si terrà venerdì 31 Maggio alle ore 15:30 a Villa Conti Anthropos in Contrada Migliarino a Civitanova Marche (MC).

ASPETTATIVE GENITORIALI E DISAGIO GIOVANILE: UN SUCCESSO L’INCONTRO DELL’ ACADEMY CIVITANOVESE

aspettative genitoriali

Civitanova Marche (MC) – Grande affluenza di pubblico ed ottima partecipazione all’incontro organizzato ieri sera dall’ Academy Civitanovese presso la parrocchia di San Gabriele a Civitanova Marche.
Dopo i saluti preliminari del Responsabile Tecnico Vessella e del Presidente Paolo Squadroni, che hanno ricordato anche il progetto di collaborazione con la Pingu’s English School, finalizzato all’insegnamento dell’inglese durante gli allenamenti, si è entrati nel vivo della serata.
Un tema ricco di implicazioni quello scelto dalla Società rossoblù, “Aspettative genitoriali e disagio giovanile”, che ha toccato nel vivo tutte le componenti in causa.
A sviscerarlo e trattarlo, con le consuete competenza, grazia e proprietà che le appartengono, la Dottoressa Eva Delmonte, psicologa psicoterapeuta, figura di riferimento importante del sodalizio civitanovese, da sempre attento alla responsabile crescita dei propri ragazzi.
Specie nel mondo di oggi, in cui tutto è in costante mutamento, il confronto tra genitori e figli può risultare conflittuale: a volte, il narcisismo dei primi, con il suo carico di aspettative, fantasie e proiezioni, si riflette in maniera non proprio positiva sui secondi, gravati ulteriormente di ansie e tormenti non propri.
Se a tutto questo si somma la classica inquietudine adolescenziale, con il suo fardello di dubbi circa la costruzione del proprio io e l’inizio della responsabilità delle proprie scelte, ecco che il quadro può correre il rischio di evolversi verso una forma di disagio (apatia, smarrimento, dipendenze), potenzialmente acuito dall’ invadenza dei mezzi tecnologici.
Occhi, cuore ed orecchie dei genitori, dunque, dovrebbero essere sempre aperti per cercare di captare sul nascere eventuali segnali, pur senza volersi però sostituire ai figli nel prendere le decisioni o affrontare le difficoltà.
Al termine della esaustiva spiegazione della Dottoressa Delmonte, si è aperto un dibattito, che ha coinvolto attivamente genitori e tecnici riguardo alcune situazioni pratiche meritevoli di approfondimento.
In chiusura, il decano dei giornalisti civitanovesi Vittorio De Seriis ha voluto chiosare ricordando il grande impegno a 360° dell’Academy nei confronti dei propri tesserati.
Affrontare le dinamiche dell’età evolutiva è una partita da giocare mettendo in campo quei sani valori come educazione, consapevolezza, senso di appartenenza e rispetto, che in famiglia come nello sport, non debbono mai mancare.

IMAG3475 (2) IMAG3478 (2) IMAG3480 (2) IMAG3495 IMAG3483 IMAG3487PE_logo